Composti fenolici

Comprendono un vasto gruppo di sostanze caratterizzate strutturalmente da almeno un gruppo fenolico, anello aromatico benzenico (a 6 atomi di carbonio) legato ad un o più gruppi ossidrile -OH

Fenoli semplici: un solo anello aromatico con uno o più gruppi -OH legati

Polifenoli: più anelli aromatici condensati

Nella pianta i composti fenolici svolgono prevalentemente un ruolo strutturale e adattivo: difesa da erbivori e patogeni, supporto meccanico (lignina), attrazione degli insetti impollinatori, assorbimento radiazioni UV, sostanze allelopatiche.

Si possono distinguere tre principali sottocategorie:

  • Fenilpropanoidi : composti fenolici semplici quali acidi idrossicinnamici, (acido p-cumarico, acido caffeico, acido ferulico) i lignani e le cumarine.

Proprietà:  costituiscono la sostanza organica più abbondante nelle piante dopo la cellulosa e che impermeabilizza le pareti cellulari delle strutture di sostegno e di conduzione

  • Flavonoidi: flavoni, flavonoli, le antocianidine e i loro glicosidi (antocianine), isoflavoni

Proprietà cosmetiche: antiossidanti, decongestionanti e vasotoniche

  • Tannini: idrolizzabili e condensati

Proprietà cosmetiche: astringenti decongestionanti protettive per il microcircolo

Precedente Il metabolismo delle piante Successivo Flavonoidi